Vellutata di sedano rapa e castagne

Scritto da Alice il 31 ottobre 2012

Vellutata di sedano rapa e castagne

Con questa ricetta (già pubblicata tempo fa qui su cotto e crudo), partecipo a Salutiamoci, il gioco nato per iniziativa di quattro blogger: Brigida Clazzer Doss (http://briggishome.wordpress.com), Lorenza Minonzio (http://galline2ndlife.blogspot.it), Roberta Cadorin Cobrizo (http://cobrizoperla.blogspot.it) e Stella Pederzoli (http://www.stelladisale.it). A questo link si può leggere il regolamento. Questo mese è stata Azabel (http://www.kitchenbloodykitchen.com) a ospitare tante idee di piatti che vedono protagoniste le castagne: qui trovate tutte le ricette.

Ingredienti per 2-4 porzioni

100 g di castagne secche, lasciate in ammollo in acqua filtrata per 20 minuti
un sedano rapa medio, pelato e tagliato a pezzetti
sale marino integrale
6 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
sale fine dell’Himalaya (o sale marino integrale), quanto basta
400 ml di acqua filtrata o di acqua di cottura del sedano rapa, se avanzata
400 ml di latte d’avena al naturale e senza zucchero aggiunto
pepe nero macinato fresco, quanto basta
olio di nocciole, a piacere
foglie di prezzemolo fresco, a piacere

Procedimento

Fate bollire le castagne in acqua filtrata e leggermente salata fino a quando saranno tenere (occorreranno non meno di 30 minuti). Appena pronte, sciacquate le castagne sotto acqua corrente fredda ed eliminate eventuali residui di pellicine. Nel frattempo, sistemate il sedano rapa in un cestello per la cottura a vapore che avrete appoggiato all’interno di una pentola. Riempite la pentola di acqua, anche questa preferibilmente filtrata, fino ad arrivare alla base del cestello. Salate e portate a bollore poi abbassate la fiamma, coprite e cuocete per circa 15 minuti o fino a quando il sedano rapa sarà morbido. Togliete dal fuoco e trasferite il sedano rapa nel recipiente di un mixer, aggiungete le castagne, l’olio d’oliva, il sale, l’acqua e il latte d’avena e frullate fino ad ottenere una crema perfettamente liscia. Potete aumentare le dosi di acqua o latte per una vellutata più liquida (ovviamente l’impiego di più latte contribuirà a ottenere una consistenza leggermente più ricca rispetto all’uso di sola acqua). Riscaldate se necessario la vellutata e versatela nelle singole ciotole o piatti da portata e completate con il pepe, l’olio di nocciole e il prezzemolo prima di servire.


Categoria: autunno,caldo,inverno,primi piatti,salato,senza glutine,verdura,zuppe e vellutate

{ 4 commenti… Leggili Aggiungi il tuo }

1 Lo 31 ottobre 2012 alle 14:14

che bella idea per trasformare il sedano rapa, che personalmente dopo un po’ mi stanca…così invece ha un sapore tutto nuovo!

2 Barbara 4 novembre 2012 alle 07:24

io lo mangio soprattutto crudo ma così mi stuzzica :)

3 Silvia 5 novembre 2012 alle 03:39

una vellutata gustosa e salutare, un abbraccio SILVIA

4 Alice 1 dicembre 2012 alle 04:33

Lo: io lo adoro :)

Barbara: crudo lo trovo buonissimo :)

Silvia: un abbraccio a te :)

Lascia un Commento

Articolo Precedente:

Articolo Successivo: